domenica 28 dicembre 2014

Guida all'acquisto di una canna da pesca usata

Le canne da pesca nuove di pacca costano dalle poche decine alle centinaia di euro, ed è per questo motivo che spesso ci si orienta verso una canna da pesca usata. Generalmente l'acquisto di attrezzatura usata non presenta grandi rischi, ma occorre sempre verificare il corretto stato dell'attrezzo in relazione al prezzo richiesto. Mi spiego meglio. Se acquistiamo una canna da surfcasting in due pezzi di una nota marca sappiamo il costo del nuovo, e il costo dell'usato dovrà essere commisurato al costo del nuovo ma tenendo presente l'usura e i possibili danni (piccoli o grandi) che la canna presenta. In genere un buon usato, con pochi segni di usura e munito di tutti gli accessori forniti dalla casa (portacanna, salva anelli, coaster, prolunghe) dovrebbe costare il 50 o 60% del nuovo, salvo casi di canne usate una o due volte (pari al nuovo) o canne molto sfruttate che alzano o abbassano la quotazione. In effetti l'acquisto dell'usato ci da la possibilità di avere una buona attrezzatura a prezzi accessibili, ma sempre a patto di poter controllare il tutto e sapere valutare lo stato della canna. Diffidate quindi degli acquisti su internet o per corrispondenza dove è sempre difficile verificare le parole del venditore e rivalersi sullo stesso. Preferite il contatto diretto prendendo attrezzi nella vostra regione, ritirando a mano e predisponendo anche una prova a mare. Controllate che gli anelli siano integri all'altezza del ponte, che le pietre non siano rigate e che non si muovano nella legatura. La placca portamulinello deve essere integra, scorrere agevolmente e non essere spaccata o riparata in maniera grossolana. la stuttura in carbonio nn deve presentare lesioni, spaccature, incrinature mentre i graffi della vernice sono amessi se sporadici. Seguendo queste semplici regole potrete acquistare attrezzatura da pesca a prezzi concorrenziali, il che è sempre cosa buona e giusta.

7 Comments:

Anonimo said...

Salve!pesco principalmente a rockfishing ed ho sentito di una canna ad innesti da siluro che è stata utilizzata anche nella mia amata disciplina.Questa canna è la "Rhino DF Big Fish" ma quello che mi chiedo io è:questa canna riuscirebbe a reggere un lancio forzato di 150-170gr più esca voluminosa?
Ringrazio anticipatamente per la risposta e per i vostri articoli che non mi fanno smettere mai d'imparare.Dario

Segreti della Pesca said...

certo che regge

Anonimo said...

Io sono incerto tra l'acquisto della "Rhino DF Big Fish" e l'acquisto di una "Greys GSR-S Shore 6oz".Vorrei utilizzare la canna nuova per il rockfishing,quindi punterò a dentici,cernie,saraghi ed orate,ma anche a ricciole dato che conosco un posto dove si possono prendere da terra(con i miei occhi ne ho vista prendere una da 20 chili) quindi cerco innanzi tutto una canna che possa reggere senza entrare in crisi un combattimento con ricciole di quella taglia.Secondo te quale delle due canne è meglio consona allo scopo?

Segreti della Pesca said...

a me piace la greys ... sn gusti

Anonimo said...

E riesce a reggere bene anche pesci di quella taglia?stiamo parlando di ricciole da 20 kg...e sperando potrebbe capitare anche più grossa...non conosco bene la Grays,quindi le mie domande sono le seguenti: mi permette di lanciare i 170 grammi più esca molto voluminosa come una seppia o calamaro intero?riesce ad affrontare la furia della ricciola di taglia senza problemi?

Segreti della Pesca said...

vai tranquillo

Anonimo said...

Grazie per il consiglio!dato che la Greys ha avuto più consensi mi sa che prenderò quella!